Ultime notizie
Home » Interviste Item » Creatività elettronica dalla Germania: intervista a My.Cosmo

Creatività elettronica dalla Germania: intervista a My.Cosmo

My.Cosmo - "Numbers"

Chi segue Amolamusica da molto tempo, sa che a noi piace andare anche a caccia di musicisti che, con coraggio, provano a farsi strada nel mercato indipendente internazionale, cercando di sviluppare un percorso originale e innovativo, libero da condizionamenti dall’alto e basato solo sulla creatività e sulla fantasia. Perché se è vero che le note sono solo 7, come si dice spesso in questi casi, è anche vero che le combinazioni tra queste possono dare luogo a tanti progetti. Se poi consideriamo i suoni che si possono creare, soprattutto se si ha a portata di mano un sintetizzatore, il gioco è fatto…

Ed è proprio partendo dalla creatività e da un settore musicale che non ha mai conosciuto crisi, quello della musica elettronica, che oggi vi presentiamo una breve intervista a My.Cosmo, nome dietro il quale si cela Sascha Simnovec, un musicista tedesco proveniente dalla regione della Ruhr, ex catalizzatore di materie prime di tutta l’Europa, oggi trasformato in uno dei più vivaci distretti culturali del continente.

Dietro un suo invito, ho ascoltato il suo primo album, “Numbers“, e l’impressione è stata molto positiva, soprattutto per la ricerca di effetti e l’ottima resa sonora delle parti ritmiche, delle melodie e delle parti vocali. E’ per questo motivo che, incuriosito dal personaggio, ho deciso di scambiare quattro chiacchiere con lui, parlando di musica ovviamente… E di un curioso progetto che gli piacerebbe realizzare…

Ciao Sascha e grazie per averci dedicato il tuo tempo. Prima di tutto, raccontaci… Com’è nata la tua passione per la musica elettronica?

Ohmycosmo… E’ successo molto tempo fa. Quando ero molto giovane, ho ascoltato l’album dei Kraftwerk “Die Roboter”. Questo lavoro immortale, con le sue percussioni ripetitive, mi ha affascinato molto…

Quali sono i tuoi maestri musicali?

Riconosco i cosiddetti “Big Five” tra i Maestri dell’Elettronica, ovvero Kraftwerk, Jean Michel Jarre, Giorgio Moroder, Underworld e Daft Punk… Sono stati tutti grandi ispiratori per generazioni di musicisti elettronici.

Che tipo di strumenti, fisici o virtuali, suoni di solito? O, per meglio dire, qual è la strumentazione tipica che usi?

Lavoro con sintetizzatori vecchi e nuovi, chitarre e il mio vecchio pianoforte. Spesso inizio a comporre le mie canzoni al piano… Giusto per risparmiare elettricità…

Bene, parliamo adesso del tuo album, “Numbers”. Come mai hai scelto questo titolo? E perché hai scelto di pubblicarlo sotto lo pseudonimo di “My.Cosmo”?

COSMO è il mio nickname… Sono un COSMOpolita… I numeri controllano la nostra vita e il nostro comportanto… Sia come cosmopoliti che come consumatori… O come musicisti!

Com’è nata l’ispirazione per le tracce? In che modo ti sei approcciato al lavoro che hai pubblicato?

La mia ispirazione nasce da tutte le tipologie di musica. Spesso inizio al pianoforte: il lavoro che ho fatto per “Numbers” ha richiesto molto tempo, addirittura una decina di anni… Ho registrato qualcosa come più di 50 demo, fatto remix su remix, ho cambiato parti ritmiche e vocali, cancellato synth ed effetti e alla fine, verso il gennaio di quest’anno, sono arrivato a pensare “Wow, ce l’ho fatta!”…

Che tipo di messaggi cerchi di mandare ai tuoi ascoltatori attraverso queste tracce?

Il messaggio è abbastanza semplice: “Caro ascoltatore… Il mio nome è Sascha… Sono un musicista… Controllo i numeri e i numeri controllano me… Faccio musica elettronica… La adoro! Non dovete fare altro che seguire me e le mie macchine… Sarà tutta energia per voi!

In Italia c’è una galassia di etichette indipendenti piuttosto interessante. Ora, tu sei tedesco… Secondo te, qual è la situazione della musica indipendente in Germania?

Credo che la situazione della musica indipendente in Germania sia intergalattica. Ci sono diverse buone galassie e alcune eccellenti galassie. Ma preferisco navigare tra quelle buone…

È difficile, per un musicista, emergere nel mondo della musica di oggi, dominato dal web?

Credo che i musicisti indipendenti debbano utilizzare il web come piattaforma per condividere i loro lavori creativi e i loro pensieri con altri artisti… E anche per esplorare e raggiungere gli ascoltatori… Ma credo che questo richieda del tempo.

Bene, un’ultima domanda… Che progetti hai per il futuro?

Beh, vorrei che il mio album “Numbers” crescesse e si sviluppasse nel web… E’ il progetto di tutta una vita. Ma adoro anche le collaborazioni con altri talentuosi musicisti in giro per il mondo… Al momento sto lavorando con PAULA ( http://www.youtube.com/user/paulasynthmusic): è una straordinaria cantante e musicista elettronica dell’Inghilterra. Abbiamo cominciato a registrare alcune tracce molto interessanti… Ma, il mio sogno più grande sarebbe quello di fare un concerto live in Antarctica… Per i pinguini e per gli scienziati!

Elettronica è sempre sinonimo di creatività e originalità e l’album di Sascha sembra evidenziarlo con forza. Desidero ringraziarlo per la sua disponibilità ed entusiasmo e augurargli un grande in bocca al lupo per questo suo primo lavoro e, speriamo, non ultimo!

Per ascoltarlo, ed eventualmente acquistarlo in versione digitale, potete cliccare sulla sua pagina personale o sul suo canale Youtube.


Commenta l'articolo
Commenta tramite il tuo social preferito!

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Seguici sui social


Google+ Followers

Da: Nicola Migliore

Scontato dire che amo la musica? Forse si, ma è l'unica frase che ho in mente quando penso alla mia "droga quotidiana" dagli effetti benefici... Ogni momento è buono per sentire musica, soprattutto quella che piace a me, dalla trance alla dance, dall'ambient alla chill out, passando per la musica downtempo, senza disdegnare artisti che non appartengono a questi generi... Il mio preferito? Decisamente Chicane! Il mio obiettivo? Riuscire a farvi innamorare di questa musica!
Scroll To Top